Immaginare studio fotografico di Roberto Tibaldi

Cos'è
Cosa si può fare
Opere
Realizzazioni
Natura
Viaggi e avventura
Eventi
Storia
Arte e cultura
Artistico espressivo
Strutture architettoniche
Musei e centri visita
Concerti
Danza e teatro
Altri
Eventi
Incontro
con la multivisione


AV Stumpfl Certified Partner logo

 

 

Realizzazioni per

pubblicizzare un evento
*
introdurre un convegno
*
raccontare un viaggio
*
valorizzare un territorio, un’area protetta
*
far conoscere un prodotto
*
accompagnare un concerto
*
creare la scenografia per una rappresentazione teatrale
*
rivestire di immagini
strutture architettoniche
*
istallazioni fisse o temporanee
per mostre e musei
...
Dormirei poco, sognerei di più

Cliente: Fotografo
Tecnica: Multivisione digitale in formato panoramico 2,35:1
Evento: Installazione fissa in occasione della mostra fotografica in bianco e nero di Angelo Tassitano (gruppo fotografico Mignon). Realizzata in collaborazione con "Il Parallelo Multivisioni" di Padova.
www.mignon.it

Spesso, vedendo le multivisioni, soprattutto il pubblico di estrazione fotografica dice che le immagini scorrono troppo veloci, che non c'è il tempo per apprezzarle.
Ciò è vero, poichè la multivisione non è un mezzo per osservare le immagini, ma essa utilizza le immagini, assieme alla musica per creare una emozione, per passare un messaggio, per raccontare qualcosa. Molto interessante si rivela, come nel caso di "Dormirei poco, sognerei di più" l'accostamento alla mostra fotografica: l'esposizione delle immagini lascia tutto il tempo al visitatore di apprezzare le singole immagini, mentre la multivisione, allestita in una saletta attigua, ne è una libera interpretazione. Il lavoro nasce dalla libera rilettura de “La marionetta”, il testamento spirituale dello scrittore Gabriel Garcia Marquez, visualizzato attraverso le straordinarie immagini in bianco e nero di Angelo Tassitano: una profonda riflessione sulla vita dell’uomo.

Dormirei poco, sognerei di più

 
 
 

P.IVA 02336800046 - ©2007-2017 Roberto Tibaldi. | Multivisione